Questo contenuto è disponibile anche in: Inglese Francese Spagnolo

Il 18 maggio Prem Rawat ha parlato nel prestigioso Convitto Nazionale Vittorio Emanuele di Roma, durante un evento inteso a sviluppare una cultura di pace tra i giovani e tra gli insegnanti. Il programma è stato trasmesso in diretta a circa 4100 studenti di 70 classi in quattro scuole italiane.

Prem Rawat at Convitto Nazionale in Rome

Il Convitto Nazionale è una delle istituzioni firmatarie della Dichiarazione di Bruxelles nota come “Pledge to Peace.” Nell’ambito di questa Dichiarazione, il signor Rawat è stato nominato “Ambasciatore di Pace” dall’onorevole Gianni Pittella, allora primo vice presidente del Parlamento Europeo, durante una cerimonia tenuta nel Senato italiano nel 2012; in quella occasione egli aveva già parlato agli studenti del Convitto. Già da allora il Convitto Nazionale aveva esteso al signor Rawat un invito aperto; così egli è ritornato, anche per far fede all’impegno di sostenere la Dichiarazione di Bruxelles e invitare le scuole dell’UNESCO a collaborare a un nuovo corso di pace.

Prem Rawat at Convitto Nazionale in RomePrima dell’evento il rettore della scuola ha invitato il signor Rawat a un incontro con gli insegnanti per una discussione informale. Una delle domande che gli sono state poste riguardava la costruzione della fiducia con la generazione più giovane. Il signor Rawat ha suggerito agli educatori di concentrarsi sull’aiutare i giovani a realizzare il loro potenziale. Gli insegnanti, ha notato, hanno una grande responsabilità e possono giocare un ruolo importante nella costruzione di un futuro migliore.  Per aiutarli a raggiungere questo obiettivo, ha aggiunto, i genitori dovrebbero mostrare più rispetto per gli insegnanti.

L’evento principale è stato intitolato “In classe per la pace” e il signor Rawat ha consigliato agli studenti di fare della pace una priorità nella propria vita.

Ha detto tra l’altro: “Lo so che siete giovani. Ci sono molte cose belle che vi aspettano, e anche tante difficoltà. Le cose belle della vostra vita, si spera che vi spingeranno ad essere più concentrati, più centrati, mentre cercate la pace. Le difficoltà ve ne spingeranno via, ve ne allontaneranno. Qualsiasi cosa vi accada, nei momenti belli come in quelli brutti, restate concentrati. Non perdete mai di vista la pace che dimora dentro di voi.”

Il giorno dopo il signor Rawat si è rivolto alle autorità della Capitale in un altro evento tenuto in Campidoglio. L’evento è stato coperto dal Roma Daily News qui.

Convitto Nazionale in Rome  Convitto Nazionale in Rome

Share this story

Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmailFacebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmail