Il Programma di Educazione alla Pace ha portato beneficio a migliaia di detenuti in tutto il mondo, ed è pronto a giovare ad altre migliaia, dopo che i volontari l’hanno recentemente presentato agli operatori al convegno dell’Associazione Internazionale Penitenziari e Carceri (ICPA 2019).

L’innovativa serie di seminari consente ai detenuti (e ad altri gruppi di persone) di scoprire le proprie risorse interiori, in modo che essi possano operare scelte migliori e provare la pace personale. Il programma ha ricevuto gli elogi dei dirigenti delle carceri per aver migliorato il comportamento dei detenuti e ridotto le recidive.

IPCA 2019 conference ArgentinaVolontari di Argentina, Brasile, Colombia, Cile e Uruguay hanno presentato il Programma di Educazione alla Pace al convegno della ICPA del 2019, tenutosi dal 28 ottobre al 1° novembre a Buenos Aires, Argentina.
Nel corso di una vivace discussione del gruppo, hanno raccontato come il programma cambi la vita a tante persone in ognuno dei rispettivi paesi.

Sono stati calorosamente accolti dagli ospiti del convegno, Il Servizio Carcerario Federale Argentino, e anche dagli altri dirigenti di penitenziari di America, Europa, Africa e Asia. Alcuni conoscevano già il programma grazie al positivo passaparola dei colleghi, e anche dagli articoli pubblicati su di esso, come ad esempio la ICPA newsletter.

Altri invece hanno conosciuto per la prima volta il Programma di Educazione alla Pace, poiché i volontari hanno avuto modo di incontrare i rappresentanti di Giordania, Fiji, Singapore, Uganda, Pakistan, Zimbabwe, Mozambico, Isole Salomone ed Etiopia, fra gli altri.

IPCA 2019 conference ArgentinaIl titolo del convegno ICPA 2019 era “Rafforzare le pietre angolari della correzione: diritti, dignità, sicurezza e sostegno” e la presentazione dei volontari calzava a pennello con quel tema, essendo intitolata: “Il Programma di Educazione alla Pace nelle carceri dell’America Latina: sostenere la dignità”.

“Di tutte quelle viste qui, questa presentazione è stata quella che mi è piaciuta di più, e questo programma è il migliore.” Ha detto Jeshi, un funzionario penitenziario dell’Etiopia. “È chiaro che si deve iniziare dal cuore di ogni essere umano, altrimenti è impossibile avere dei risultati. Voglio implementarlo nelle carceri dell’Etiopia.”

The Prem Rawat Foundation mette a disposizione di individui e organizzazioni di tutto il mondo questo programma non religioso e non settario. Scopri come tu o la tua organizzazione potete iniziare a proporre i seminari qui.

Share this story

FacebooktwitterredditpinterestlinkedinmailFacebooktwitterredditpinterestlinkedinmail