Grazie alla generosità di 1.073 sostenitori di tutto il mondo, la Fondazione Prem Rawat (TPRF) ha raccolto $169.996 nella campagna di giugno, sorpassando largamente l’obiettivo di $150.000.

“La mia profonda riconoscenza va a tutti voi che avete contribuito, e anche a quelli che sostengono questa fondazione in altre maniere.” Dice Daya Rawat, presidente di TPRF. “Spero vi siano piaciuti i video che abbiamo realizzato per la campagna. Dimostrano come il vostro sostegno apra nuove possibilità per tante persone, di mangiare cibo nutriente, di avere successo a scuola, di ricevere cure mediche fondamentali, e di provare pace personale. Mi sento orgogliosa di essere con voi per rendere possibile il lavoro di questa fondazione unica.”

Puoi vedere tutti i nuovi video qui:

*Usa i sottotitoli (cc) sullo schermo YouTube per la traduzione. Su iPad, vai su Impostazioni->Generali->Accessibilità->Sottotitoli e Didascalie.
 
Questo documentario presenta alcune interviste con persone che hanno subito gli effetti di 50 anni di guerra civile in Colombia. Guarda come il Programma di educazione alla pace li aiuta a riprendersi e dimostra il tuo sostegno.
Da 15 anni la Fondazione Prem Rawat (TPRF) sponsorizza annualmente ambulatori gratuiti in tutta l’India per fornire le più moderne cure oculistiche a migliaia di emarginati. Il tuo sostegno consente a queste persone di ricevere le cure oculistiche di cui hanno bisogno.
Il programma Food for People ha distribuito ogni giorno milioni di pasti gratuiti a ragazzi poveri in Ghana, India e Nepal, aprendo loro opportunità senza precedenti. Nessuno dei brillanti scolari della città di Otinibi, in Ghana, finora aveva mai avuto la possibilità di ricevere un’istruzione universitaria.

Ascolta Prem Rawat che parla ai detenuti che partecipano al programma di educazione alla pace nel Twin Towers Correctional Facility di Los Angeles, California, la più grande struttura detentiva del mondo. Il tuo sostegno permette alle persone di partecipare al programma e agli eventi con Prem Rawat anche se sono in carcere.

Share this story

FacebooktwitterredditpinterestlinkedinmailFacebooktwitterredditpinterestlinkedinmail