Grazie all’aiuto generoso di oltre 1000 donatori di 50 Paesi del mondo, la Fondazione Prem Rawat (TPRF) è in grado di continuare a espandere la sua utile assistenza ai sopravvissuti del terremoto devastante che ha colpito il Nepal lo scorso 25 aprile.

In collaborazione con la Fondazione Premsagar Nepal, sua partner locale da molto tempo, la TPRF opera per distribuire tende, fornelli, utensili da cucina, riso, spezie, coperte, torce elettriche e altri oggetti utili alle centinaia di abitanti dell’area di Tasarpu, dove ha sede la struttura di Food for People (FFP). Dopo averne discusso con i capi villaggio per determinare quali fossero le necessità più immediate, la TPRF ha iniziato a distribuire anche lamiera di ferro galvanizzata per aiutare la gente a ricostruire dei rifugi temporanei. Secondo i sondaggi, nella comunità rurale dove ha sede FFP sono andate completamente distrutte 164 case.

La porta della mensa di FFP, completamente risparmiata dal terremoto, resta aperta a chiunque nella zona abbia bisogno di un riparo, di pasti nutrienti e di acqua purificata.

La TPRF continua a valutare i danni e a raccogliere fondi per farvi fronte. Al 4 di maggio i suoi donatori hanno contribuito con oltre 140.000 dollari per sostenere la popolazione. Chi desidera contribuire può usare il modulo speciale per le donazioni.

Le foto che appaiono di seguito sono state scattate nella sede di FFP e nella zona circostante nei giorni scorsi, mentre venivano distribuiti generi di prima necessità a persone assai bisognose.

Si organizzano le risorse prima della distribuzione 

Supplies being stored and organized before distribution to villagers in need

Le provviste vengono distribuite fuori della mensa FFP:

Supplies being distributed to villagers in need Supplies being distributed to villagers in need

La gente trasporta le provviste per le strade e i sentieri di montagna fino ai villaggi:

Residents carry their supplies back to their homes carrying-4-ar

I bambini del luogo vengono a mangiare alla mensa di FFP:

 

 

Share this story

Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmailFacebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmail