T. J. Enriquez è da molto tempo una sostenitrice della TPRF nelle Filippine; non risiede nelle zone più colpite dal tifone, ma insieme con alcuni amici ha prestato soccorso ai superstiti. Ecco il suo primo racconto.

Sono passati due mesi da quando il tifone Hainan ha infuriato sulle Filippine. Nelle zone più colpite, come Tacloban, le persone sopravvissute si ritengono fortunate. Si aspettavano che il tifone arrivasse nel pomeriggio o durante la notte, invece è apparso la mattina e non erano assolutamente pronti ad affrontarlo.

Durante la tempesta, il vento soffiava così forte che i detriti volavano dappertutto; la sua furia distruggeva ogni cosa. La maggior parte dei superstiti si è salvata aggrappandosi al tronco di un albero di cocco, o trovando riparo in una grotta. Tra coloro che sono stati trascinati dall’acqua, alcuni sono riusciti a rimanere a galla aggrappandosi ai detriti galleggianti.

 

Typhoon Haiyan

 

Quando sono arrivata insieme agli altri per portare cibo e medicinali, le persone ci guardavano come se non ci vedessero. Avevano solo sguardi persi nel vuoto. Dopo un po’ qualcuno ha iniziato semplicemente a piangere. La maggior parte di loro era molto affamata. Sembrava che l’intera città fosse scomparsa, avvolta dall’oscurità, ma si sentivano i pianti, e il tanfo della spazzatura che marciva.

Quando siamo arrivati in uno dei villaggi, la gente ha circondato la nostra auto, implorando di avere del cibo. Era evidente che avevano bisogno di vestiti e di un posto dove potersi riparare e stare all’asciutto. In un altro villaggio le persone stavano in fila, in attesa di acquistare quello che potevano – a volte solo una bibita fresca.

È stato molto bello poter offrire anche solo un piccolo aiuto. Molti altri stavano facendo lo stesso, raggiungevano le zone più disastrate e offrivano quello che potevano. In momenti come questo dobbiamo aiutarci a vicenda. Siamo tutti filippini. Nei superstiti si stava riaccendendo una speranza.

Il lavoro della TPRF e di molte altre organizzazioni sta cominciando a mostrare dei risultati, ma c’è ancora molta strada da fare.

 

Typhoon Haiyan Damage

 

 

 

 

Share this story

FacebooktwitterredditpinterestlinkedinmailFacebooktwitterredditpinterestlinkedinmail